Il sale e il sangue/33

Mary, Nick, Patrick e Copperfield si trovavano ognuno in un punto diverso dell’isola. Frank, ad esempio, aveva assistito a un duello fra una donna e un gendarme, e fu ammirato dall’abilità di entrambi gli sfidanti. “Poi comunque è scappata” concluse Frank. “Mi era parso che si chiamasse Josephine, ma non ho mai visto tali prodezze … Continua a leggere Il sale e il sangue/33

Annunci

Il sale e il sangue/32

“Vedo che abbiamo fatto le cose in grande, eh? La bandiera issata, il comitato di benvenuto… ottimo, ottimo” Con quelle parole, Steven Blackfield salutò Chang, Alexa e Lucy, che erano venuti a vedere la maestosità della Black Sheep e della gente che la abitava. Nel frattempo che parlava, si stiracchiava a causa dei muscoli rattrappiti. … Continua a leggere Il sale e il sangue/32

Il sale e il sangue/31

La traversata non richiese molto tempo. Anche se il meteo non era propriamente perfetto, la goletta era un’imbarcazione facile da maneggiare e veloce più del vento, dunque tutti erano fiduciosi di raggiungere Inoquit entro tre giorni massimo. Nel frattempo, in mare, mentre a nord e dunque alla loro destra la morfologia di quello strano paese … Continua a leggere Il sale e il sangue/31

Il sale e il sangue/30

Proprio quando le provviste che avevano precedentemente caricato sulle due barche cominciarono a scarseggiare, i pirati capitanati da Alexa giunsero a Inoquit, venendo accolti da due immense colonne scolpite nella roccia, la cui base era costantemente battuta dall’incessante moto ondoso, i cui relativi schizzi arrivavano su alcuni nidi di gabbiani e qualche altro crostaceo. “Siamo … Continua a leggere Il sale e il sangue/30

Il sale e il sangue/29

“Abbiamo trovato il Cacciatore” esordì senza mezzi termini Steven Blackfield, mangiando un cubetto dopo l’altro di formaggio, dopo che li aveva sovrapposti per farne una torre. Lui, Snejder e Josephine erano dentro lo studio del pirata, che lui non utilizzava per mangiare. Tuttavia, quel giorno, Steven era stato strano per tutto il tempo e dunque … Continua a leggere Il sale e il sangue/29

Il sale e il sangue/28

Ci volle più tempo del previsto, a Mary, per riprendersi, soprattutto dal colpo ricevuto alla gamba. La ragazza non voleva dire in quale occasione era stata colpita da due proiettili, ma quello fu sufficiente a tenerla ferma per un po’. In base alla testimonianza del pirata che aveva fatto parte dell’avamposto di Suprim, Steven Blackfield … Continua a leggere Il sale e il sangue/28

Il sale e il sangue/27

Fu Bruce Jameson a svegliarsi per primo, a causa di un colpo di onda un po’ più violenta che riuscì a scavalcare la fiancata dello scafo e finirgli sulla faccia. “Dove… siamo?” chiese, cominciando a sentire la durezza del legno sotto di lui. Solo in un secondo momento si accorse di essere legato agli altri … Continua a leggere Il sale e il sangue/27

Il sale e il sangue/26

Steven Blackfield si sentiva a un passo dalla verità. Aver incontrato e conosciuto addirittura il capitano della nave che aveva ospitato il Cacciatore il giorno del suo viaggio di nozze non poteva essere solamente fortuna. Era davvero un segno dalla Dea Nera, la quale stava accanto ai moribondi per accompagnarli nel suo regno, dove tutti … Continua a leggere Il sale e il sangue/26

Il sale e il sangue/25

Il Cacciatore non pensava di dover combattere anche sulla terraferma, ma fu ciò che successe. Perse di vista tutti i suoi sottoposti, ma non dovevano essere andati lontano: il paese dov’erano sbarcati, di cui aveva di nuovo dimenticato il nome, non era molto grande e lui era riuscito a salire su uno degli edifici più … Continua a leggere Il sale e il sangue/25

Il sale e il sangue/24

“Sono sicuro che voi sapete come entrare” disse James Johnson, un po’ in apprensione. Erano stati momenti concitati e lui non aveva ancora capito come mai erano arrivati a stipulare un’alleanza con quel battaglione di rivoltosi, ma forse tornava tutto a loro vantaggio. Ormai erano davanti alla Porta Est, con una linea di cannoni pronta … Continua a leggere Il sale e il sangue/24