Condivisione: Un demonio dal viso angelico.

Buon pomeriggio!

È con grande piacere che annuncio l’inizio della mia collaborazione con la Dragonfly Edizioni e i suoi autori! Da oggi e per i prossimi sabati li avremo qui, ognuno di loro! Molto bello, per me, dare lo spazio agli emergenti e per di più con idee che mi hanno subito catturato, per cui non perdo altro tempo e parlo subito del libro di oggi.

Un demonio dal viso angelico” è il libro scritto da Marco Cazzella, ambientato in una Lecce dell’anno 2035. Vediamo subito la sinossi:

Lecce, anno 2035. In un piovoso pomeriggio di febbraio i coniugi Cazzella sono costretti in casa a causa di un violento temporale. Per ingannare il tempo Marco propone a sua moglie Stefania e a sua figlia Maria Teresa la lettura del secondo romanzo “partorito” dalla sua estrosa penna. Il libro si intitola Un demonio dal viso angelico. Si tratta del secondo volume che fa da seguito al primo capitolo di una saga familiare intitolato Una romantica storia salentina.
In questo secondo libro i due protagonisti saranno invischiati in un giallo, dove nessuno è chi dice di essere e dove i colpi di scena si susseguono pagina dopo pagina in un intreccio romantico, che viaggia su sfumature di eros e su binari che spaziano dalla nera suspense al thriller psicologico. Marco, il protagonista sarà sedotto dall’affascinante antagonista Violette Vallentaine tentando di sfuggire con tutti i mezzi possibili alle sue numerose avances. La donna nella sua diabolica missione sarà affiancata dallo spietato fratello Frédéric. Ma è possibile che possa nascere un particolare sentimento o un singolare rapporto di amicizia verso il nostro più acerrimo nemico?
Un complotto familiare che nasconde evoluzioni della vicenda davvero inaspettati cospirando alle spalle di Marco e della sua amata Stefania. Chi sarà il vero colpevole di tale misfatto? Starà al più attento lettore scoprire il bandolo della matassa…


Un po’ come una sfida, qui l’autore chi chiede di scoprire da noi il bandolo della matassa. Saremo lettori attenti? Vedremo, io intanto ho deciso di presentarlo ospitando l’autore con la mia solita intervista. Buona lettura!

1 Salve, benvenuto in questo blog! Parliamo del titolo. Qual è stata la scintilla che l’ha creato?
Innanzitutto salve e grazie infinite per la sua calorosa accoglienza. È stata la storia stessa a suggerirmi questo titolo perché, senza anticipare nulla, volevo creare un testo particolare e in una scena ben precisa è nato appunto il titolo.

2 Perché proprio Lecce?
Perché Lecce è la mia città e volevo creare una storia ambientata dove vivo.

3 Chi sono i coniugi Cazzella, ce li può presentare?
I coniugi Cazzella sono una coppia come tante altre: lui Marco Cazzella uno scrittore disabile di 54 anni. Con la passione degli Anime, Manga, musica e videogiochi. Dal carattere solare e gioioso sempre con la battuta pronta e con la voglia di giocare con le parole. Stefania Chandir, una donna bambina, titolare e proprietaria di una libreria di 49 anni con un appetito incredibile. Sempre allegra e vivace ma al contempo capricciosa e maliziosa capace di tener testa a quel suo povero marito.


4 È stato più stimolante descrivere Violet o Stefania?
Sicuramente è stato molto più stimolante descrivere Violet perché, a differenza di Stefania, ha un lato dark. Il personaggio di Violet mi ha permesso di dar vita a delle situazioni che con l’altra donna non avrei potuto.

5 Come nasce l’idea della copertina?
L’idea della copertina è nata perché, sebbene Lecce nel racconto funge per lo più da location e la storia parla dei personaggi più che dei luoghi, mi piaceva rappresentarla dato che tutta la trama si svolge in cinque punti di questa fantastica terra del sud.

6 Il 2035 non è poi così lontano. C’è un motivo dietro questa data?
Sì, c’è un motivo cha va che fare con la figlia dei due coniugi. La struttura del racconto mi ha permesso di fare dei calcoli dalla nascita di Maria Teresa a quando poteva ascoltare certi discorsi dei genitori. Cose è venuta fuori quella data.

7 Secondo lei, tutti i demoni hanno un viso angelico?
Secondo me, dipende dalla situazione in cui una persona vive. Ci sono volte in cui una persona, purtroppo, è costretta a divenire un demonio. Però, nonostante tutto, l’indole non si può cambiare. Quindi, se la propria anima è angelica allora resterà angelica anche se la vita la porterà a compiere scelte demoniache.


8 E, per contro, ci sono angeli dalla faccia da demonio?
Forse sì perché è la vita che forma una persona. Perciò, l’apparenza inganna.

9 Com’è stato il suo rapporto con Dragonfly?
Il mio rapporto con la Dragonfly è stato magnifico. Sarò onesto con lei e con tutti coloro che ci leggeranno. Questa non è la mia prima pubblicazione. Però è la prima volta che mi sento di poter dire di aver a che fare con delle persone che tengono al proprio autore o autrice mettendolo a proprio agio. Perché non lo lasciano da solo e questa a mio parer e avviso è un qualcosa che fa la differenza.


10 Ha fatto ricerche particolari durante la stesura?
No. È tutto frutto della mia immaginazione e memoria anche se ogni tanto controllavo youtube per non scrivere erroneamente i nomi delle canzoni citate e i loro interpreti.


11 Si può dire, secondo lei, che possiamo essere angeli e demoni insieme?
Si, perché non è mai completamente bianco o nero ma possiede sempre una parte grigia e spetta ad ognuno di noi scegliere quale delle due componenti far prevalere.

12 Bene, è tutto allora! Grazie per il suo tempo!
Prego! E’ stato un infinito piacere per me! Fatto con tutto il cuore! Grazie a lei per avermi voluto intervistare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...