100 drabble, un’estate: 77

banner_aven_blog

77 – Platea
La platea mi osserva.
Recito, porto una maschera, dove mi sento al sicuro. Posso fare qualsiasi personaggio, dai grandi autori greci a Shakespeare, anche se il Bardo ha sempre un posto speciale nel mio cuore.
Le luci, il sipario, il palco, i costumi. Tutto profuma di storia, di gloria, di applausi a scene aperte e le quinte ribollono di copioni, parti, e anche tante piccole perfide bugie, che colorano lo spettacolo e lo portano avanti.
Io, però, ho un monologo in mano. Chi sono io senza spettacolo? Può la vita di un attore concludersi una volta chiuso il sipario?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...