Tutorial: pilotare un aereo.

una-scena-del-pilot-di-lost-44134_jpg_351x0_crop_q85

Il pilota del volo 815 della Oceanic ha seguito alla lettera questo tutorial.

Un blog comico non può parlare di come guidare un aereo, poiché questo è un mestiere pericoloso e che ha su di sé la responsabilità di molte vite umane.

Già, però noi siamo ignoranti e diremo lo stesso come si pilota un aereo.

Partiamo dalle cose semplici. Innanzitutto bisogna avere un aereo, e questo mi pare ovvio. Poi, bisogna sedersi sulla cabina di comando.

“caspita, finora è una guida perfetta!”

Adesso viene la parte più difficile. Ci sono una miriade di pulsanti, leve, luci, e davanti a te una vetrata enorme oltre cui probabilmente si vede una pista di lancio. Poi, il vuoto assoluto.

Come si fa partire questa carrozza? Beh, accendendola e mandandola avanti, in qualche modo e soprattutto non premendo il tasto di auto distruzione.

Dopodiché, siamo già in volo, anche senza capire come. Bisogna andare sopra le nuvole, perché il cielo è blu sopra le nuvole (cit.) e viene più comodo volare a cielo sereno piuttosto che sotto le nubi.

Una tranquilla passeggiata che… non so nemmeno quanto debba durare per superare il primo giorno correttamente.

In fondo, i mezzi di trasporto sono pensati per mandare un uomo da un punto A a un punto B in tutta sicurezza, quindi…

AH! Ma ci siamo dimenticati di avvertire le persone di allacciarsi le cinture! Adesso sono tutti caduti oppure risucchiati dalle ventole! Inoltre, le persone hanno continuato a messaggiare al telefono o fumare sigarette giganti durante il decollo e adesso ci siamo trasformati tutti in tirannosauri verdi!

In ogni caso, dobbiamo concludere l’articolo, qualsiasi cosa accada. Al limite, ci sono le scatole nere che poi spiegheranno tutto a chi di dovere.

Giunge dunque il momento dell’atterraggio. Non capisco come, ma siamo in un’isola molto sospetta del Pacifico.

Meglio non atterrarci.

Dobbiamo perdere quota e chiedere un posto dove atterrare, e fu così che dimenticheremo di scendere i carrelli con le ruote, in modo da meritarci il fragoroso applauso che tocca a noi piloti ogni volta che concludiamo un volo, che sia Palermo – Roma o il volo Oceanic Sydney – Los Angeles.

“Ho la vaga impressione che qui qualcuno ha guardato Lost…”

IO? CHE CACCHIO DICI! QUESTA TUTA NON È DELLA DHARMA! SI VIVE INSIEME, SI MUORE DA SOLI! AAAAA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...