Condivisione:la forza di Margherita.

4150-7H203L._SY346_

 

Benvenuti a tutti in questo nuovo spazio libri!

Caldo, vero? Ma allora perché non rinfrescarci con una bella lettura? Il libro che propongo oggi si intitola “La forza di Margherita“, pubblicato in self e disponibile cartaceo e digitale.

Sicuramente vorrete chiedere di cosa parla. Ecco a voi una bella sinossi!

[…] «Margherita» esclamò Luigi mettendosi in ginocchio davanti a lei in presenza delle altre cento persone che come loro avevano deciso di cenare fuori quel sabato sera «Vuoi sposarmi?» 
Gli occhi color turchese diventarono immensi nel volto di Margherita, la pelle d’avorio perse ogni colore, mentre sembrò che i lunghi capelli neri naturalmente mossi fossero percorsi da una scossa elettrica. 
Dopo un attimo di silenzio, un applauso scrosciante riempì il ristorante, dandole quei pochi preziosi attimi che le consentirono di riprendere il controllo di se stessa e rendersi pienamente conto della tragica situazione in cui stava precipitando.
Sposarsi con Luigi? Non aveva nessuna intenzione di sposare quello stupido bifolco, così magro che sembrava dovesse esser portato via dal vento, con un viso anonimo e i biondi capelli stopposi. 

Margherita è una giovane donna serena e felice della sua vita. Improvvisamente, tutto il suo mondo viene stravolto dalla inderogabile decisione del padre di farle sposare un uomo che lei non sopporta. Tutte le sue certezze vengono messe alla prova, ma emerge in lei una forza ed una volontà che non sapeva di possedere, portandola per la prima volta a voler decidere della propria vita.

Margherita è dunque una donna forte e libera, ma potremo conoscerla meglio se ce la presenta direttamente l’autrice Barbara, la quale sono onorato di averla ospite proprio qui ed ora.

1. Buongiorno e grazie per essere mia ospite! Cominciamo
subito: chi è Margherita?
Margherita è una donna del suo tempo che però a differenza
di molte altre come lei decide di prendere in mano le redini
della sua vita quando capisce che il suo futuro è in pericolo.
2. Margherita è una donna che vede dunque piombarsi il cielo
addosso quando “deve” sposarsi con Luigi. Come la
prende?
Malissimo, rimane stordita. Aveva riposto nel padre una
fiducia assoluta e si rende conto di aver sbagliato.
3. I matrimoni combinati sono stati per troppo tempo
all’ordine del giorno: “perché”, qual è stata la forza che ha
sospinto la creazione di questo romanzo nei tempi
moderni?
Perché in alcune regioni, nei paesi più sperduti è ancora una
regola, il padre sa cosa è meglio per i suoi figli. Ed è un bene
non dimenticare che le cose sono cambiate, che le donne
sono in grado di prendere da sole le decisioni che riguardano
la loro vita.
4. Chi è Luigi? Quanto tempo ci è venuto per crearlo?
Luigi è stato creato in poco tempo. E’ una figura non di primo
piano, succube della madre e delle regole del tempo. Non ha
né intenzione ne la volontà di ribellarsi.
5. I romanzi rosa sono un filone molto comune nel mercato.
La gente ha ancora voglia di sognare?

Non considero questo, un romanzo rosa nel senso più
comune del termine, ma narrativa.
6. Fra gli autori spunta anche Lorenzo de Mattia, traduttore.
La traduzione, immagino, sia una cosa “seria”, che tocca
aspetti che diamo per scontati, come affermazioni o modi
di dire o costumi. È così?
E’ proprio come dici tu. La traduzione è sempre complessa
proprio perché deve rispettare i modi di dire di una lingua
che non sempre si ritrovano nell’altra.
7. In quanto blog comico, penso che tutte le storie, dai rosa ai
fantasy agli horror, abbiano almeno un aneddoto comico
da poter condividere. Qual è il tuo?
Aver regolarmente confuso i nomi di tutti gli uomini fino a
creare un caos totale. Non si capiva chi era e cosa faceva.
Quando me ne sono accorta ho avuto io stessa difficoltà a
riordinar il tutto.

8. All’ombra spunta l’ingombrante figura del padre di
Margherita. Quanto è stato difficile, per lei, crescere sotto
questa ombra?
Apparentemente è stato sempre tutto facile, troppo facile.
Margherita non aveva mai avuto la necessità di dover
imporre la propria volontà, solo quando ha capito che
doveva trovare i se la forza di combattere si è ribellata.
9. La sinossi è ambientata in un ristorante. Credi che le
proposte di matrimonio architettate davanti a tutti siano un
clichè superato o possono ancora dire la propria?

Non sono superate, a volte si ama la spettacolarità e una
proposta in un ristorante la rispetterebbe.
10. Tu hai scritto anche e soprattutto romanzi gialli. Da dove
viene la decisione di scrivere un “Rosa”?
Amo leggere e scrivere i gialli ma amo molto anche la
narrativa ed ho voluto cimentarmi in questo genere.
11. Quanto c’è di “Barbara” in Margherita?
Un pezzettino di Barbara è in ogni libro, mi piace lasciare
una piccola traccia di me.
12. L’intervista, ahimè, è finita. Grazie per aver accettato il
mio invito e spero ti sia trovata bene!
Grazie a te, l’intervista è stata veramente gradevole.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...