Il vero nome di Fibrizza/6

banner_aven_blog

La collina non le stava dando nessuna risposta. Il vento soffiava sempre da Nord-Ovest. Siccome era negata nei nomi della rosa dei venti, Fibrizza non poté che aspettare un segno dal cielo. Inoltre, non aveva idea di come tornare a casa.
Improvvisamente, passò di lì un uomo altissimo, vestito di un cappotto molto lungo, un cappello e fumava la pipa. La differenza con gli uomini era che lui era bianco con le ali.
“Fibrizza. Sei qui.” disse l’uomo. Sembrava non sapere muovere le labbra, eppure parlò moto forte e chiaro.
“Non mi chiamo Fibrizza, ma a quanto pare nessuno lo ricorda più” commentò seccata.
“Sì, lo so”
La donna lo guardò a tutt’occhi.
“Allora fai parte della cricca che mi ha tolto il nome!” esclamò, alzandosi. Era pronta malmenarlo, anche se non lo aveva mai fatto, anche se non era nemmeno sicura di essere nel mondo reale.
“C’è una sola cosa che ti devo chiedere” avanzò l’uomo, camminando lentamente. “Tu lo sai perché il vento soffia da Nord- Ovest?”
“No” disse lei.
“Esatto” annuì l’altro. “No. Le iniziali di Nord e Ovest. Bene, direi che qui ho finito”
E sparì. La donna era totalmente spiazzata. “Ma allora? Il capitolo spiegone?”
Abbassò lo sguardo, non sapeva neanche perché lo ebbe abbassato, e trovò un foglietto di carta. C’era scritto “Qui giace l’Uomo Budino”, scritto a penna nera cancellabile. A lei venne un pensiero molto strano: chi stava combattendo la sua scopa?
Il suo cuore perse un battito quando sentì clacsonare: era suo marito.
“Ma che ci fai qua? Vieni, ti riporto a casa. Che poi, rifugiarsi in una collina anonima, avrei capito se ci fosse stata una baita, ma…”
Che ne sapeva, suo marito, di quello che era accaduto lassù?
“C’è qualcosa che non va? Hai bisogno di qualcosa?” chiese ancora.
“No” rispose lei, vaga. Gettò lo sguardo oltre il finestrino, ma, al posto della campagna che si stava trasformando in città ma, al posto di questa, vide la faccia del tizio che aveva incontrato sul colle.
Fu allora che capì cosa fosse la paura.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...